Trattamento chimico, fisico, biologico ed emulsioni

/  Servizio fornito da Econet srl /

Gli impianti sono costituiti da una batteria di serbatoi per lo stoccaggio di rifiuti liquidi e di rifiuti oleosi, con una capacità complessiva di oltre 6.500 mc con capacità di trattamento autorizzata pari a 387.000 mc/anno.
Gli impianti dotati di tecnologia avanzata consentono la gestione tramite PLC e su postazioni mobili in remoto. Essi consentono di trattare – mediante processi chimico-fisici quali complessazione, precipitazione, ossido-riduzione, neutralizzazione, evaporazione e trattamento biologico.

Mentre per le emulsioni oleose il trattamento consente di rompere i legami olio-acqua tipo “forza di Van der Waals” o “legame Idrogeno” al fine di separare la fase oleosa dalla fase acquosa.
La complessità impiantistica esistente consente applicazioni su disparate tipologie di rifiuti ed è diventata in poco tempo punto di riferimento di raffinerie, industrie dei processi chimici organici ed inorganici, galvaniche e lavorazioni di metalli in genere.

I rifiuti liquidi non gestibili nell’impianto di trattamento delle emulsioni oleose, a causa della presenza di idrocarburi bassobollenti, sono conferiti in serbatoi di stoccaggio idonei per i rifiuti liquidi infiammabili classificati HP3. Tale flusso è quindi avviato a termodistruzione in impianti italiani ed esteri.